Marzo 30 2020 0Comment

Incentivi bioedilizia 2020: come rendere una casa più ecologica

Un’abitazione ecosostenibile o green è un immobile che ha bassi consumi energetici e limitati costi di gestione e manutenzione. Sul mercato ci sono numerose nuove costruzioni in classe A o B a prezzi accessibili, ma anche chi possiede già un’abitazione può intervenire per rendere la casa più ecologica sfruttando i vari incentivi per la bioedilizia disponibili nel 2019 e in gran parte prorogati per il 2020Vediamo quali sono.

  • Ecobonus per il risparmio energetico

L’agevolazione più conosciuta è sicuramente l’ecobonus per la riqualificazione energetica del proprio immobile. Si tratta di una detrazione Irpef con aliquote variabili che vanno dal 50% al 65% (fino al 75% se si tratta di lavori condominiali) per gli interventi volti a migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione. La legge di bilancio 2020, attualmente in discussione in Parlamento ha prorogato l’ecobonus anche per l’anno prossimo.

  • Bonus ristrutturazioni per la riqualificazione edilizia

Il bonus ristrutturazioni è una detrazione fiscale del 50% che si ottiene per i lavori di: manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia eseguiti su singole unità immobiliari e parti comuni di edifici condominiali. Anche in questo caso, la legge di bilancio 2020 ha previsto una proroga per il prossimo anno.

  • Bonus mobili legato ai lavori di ristrutturazione

Il bonus mobili è una detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e nuovi elettromestici in classe A+ (A per i forni). I lavori per una spesa massima di 10mila euro spettano unicamente per le spese per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici in immobili dove siano stati eseguiti i lavori di: manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, lavori necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi e restauro e di risanamento conservativo. Anche nel caso del bonus mobili è prevista una proroga per il 2020.

  • Il “bonus verde”

Introdotto negli ultimi anni, ma assente dalla legge di bilancio 2020, il bonus verde dovrebbe essere recuperato nel “decreto milleproroghe”. Il bonus verde è una detrazione del 36% per gli interventi di: sistemazione del verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi; realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili. Si può usufruire del bonus verde per una spesa massima di 5mila euro per un’unità immobiliare che equivale a una detrazione massima di 1800 euro, sempre ripartita in 10 rate.

  • Mutui verdi per edifici efficienti e sicuri

“Energy Efficient Mortgages Pilot Scheme” è un piano pilota europeo a cui hanno aderito varie banche italiane, tra cui Unicredit, volto a rendere più accessibili i cosiddetti “mutui green” ovvero finanziamenti a tassi agevolati per la costruzione o l’acquisto di una casa ecologica o l’efficientamento energetico di una casa già esistente.

  • Il nuovo “bonus facciate” 2020

Il bonus facciate è una detrazione del 90% per gli interventi finalizzati al recupero o al restauro della facciata esterna degli edifici, ma solo nel caso in cui siano ubicati in zona A (centri storici) e zona B (totalmente o parzialmente edificati).

  • Dal legno all’illuminazione a led

A volte semplici interventi, come la scelta di un’illuminazione a led per la casa, che consente di avere un notevole risparmio energetico in bolletta, o la scelta del legno come materiale per gli infissi può contribuire ad avere una casa più ecologica.

Soseteg